italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Viticoltura, cambiamento climatico e opportunità di sviluppo per le aree svantaggiate
  • SHELF-LIFE IMPROVEMENT
    Il programma di Enartis contro l’invecchiamento precoce del vino
    Il desiderio di chi produce vino è poterne bloccare l’invecchiamento per mantenere intatte le sue caratteristiche anche dopo mesi di conservazione su uno scaffale (in condizioni non sempre id...
    Pubblicata il: 24/09/2019

Viticoltura, cambiamento climatico e opportunità di sviluppo per le aree svantaggiate

Workshop e giornata dimostrativa in campo del progetto ValorInVitis 19 luglio presso Tenuta Borri (Travo, PC)

Il cambio climatico sta mettendo in difficoltà l’agricoltura tradizionale: gli eventi meteorici estremi, i lunghi periodi di siccità, le elevate temperature presentano agli agricoltori nuove sfide che vanno affrontate con l’innovazione. La viticoltura di collina è quella che maggiormente sta soffrendo gli effetti del cambio climatico: carenza idrica, erosione, disaccopiamento della maturazione, solo per citarne alcuni. In un quadro socioeconomico per nulla favorevole, con carenza di mano d’opera in agricoltura, invecchiamento della popolazione, frammentazione fondiaria, concorrenza internazionale.


Dare soluzioni a questi problemi è lo scopo del Gruppo Operativo ValorInVitis che venerdì 19 luglio 2019 presso la Tenuta Borri di Andrea Pradelli a Travo ha presentato -  a più di 50 viticoltori, agronomi, consulenti e altri operatori del settore - i risultati preliminari del Progetto che sta portando avanti con il finanziamento del PSR Emilia-Romagna. 


Il gruppo di ricerca di Università Cattolica del Sacro Cuore diretto dal Prof. Stefano Poni, coordinatore del progetto Valorinvitis, ha descritto ai presenti le caratteristiche interessanti di alcuni vitigni autoctoni, come Melara e Barbesino, che tra tutte quelle conservate nella collezione Mossi sembrano rappresentare la migliore opportunità per la produzione di un vino bianco originale e moderno da appaiare all’Ortrugo. Sono ora disponibili gli studi agronomici e le caratterizzazioni genetiche che possono avviare l’iter di autorizzazione all’impianto. I dati raccolti in questi anni mostrano che, con il cambiamento climatico, aree fino ad ora considerate poco adatte alla vite, ad altitudini maggiori e in vallate interne, sono meno soggette alle gelate, hanno maturazione ritardata rispetto alle altre zone, raggiungono spesso un migliore equilibrio tra zuccheri, acidità, tannini ed aromi. Una interessante opportunità per le zone rurali e svantaggiate. Le nuove varietà resistenti a oidio e peronospora e i sistemi di supporto alle decisioni permettono poi di ridurre notevolmente l’uso di fungicidi, rispondendo alle attuali esigenze del consumatore.


Anche l’ERVI, un incrocio tra Barbera e Croatina ottenuto a Piacenza per rispondere alle esigenze del territorio piacentino, ha confermato in questi nuovi studi la grande valenza agronomica e le sue potenzialità per dare originalità e novità all’offerta del vino piacentino sul mercato. L’agronomo Furlani della azienda Marenco ha descritto un esempio di valorizzazione sul mercato della nuova varietà Albarossa


L’incontro si è concluso con una tavola rotonda - condotta da Gianni Trioli di Vinidea - che ha esplorato le nuove opportunità date dalla viticoltura alle aree montane e svantaggiate, con gli interventi di Chiara Azzali in rappresentanza del Consorzio Tutela Vini DOC Colli Piacentini e di Stefano Poni che ha descritto i principali assi di lavoro della ricerca scientifica e della tecnica per offrire innovazione ai viticoltori. L’intervento conclusivo è stato dell’Assessore Regionale all’Agricoltura Simona Caselli, che ha sottolineato la rilevanza dei dati che certificano il cambiamento climatico in Emilia Romagna e ha descritto le molte iniziative regionali e i programmi europei a favore dell’innovazione in agricoltura.


Al termine della giornata è stata offerta al pubblico una degustazione di prodotti tipici del territorio abbinati ad alcuni dei migliori vini DOC piacentini e alcune interpretazioni del incrocio Ervi.

Nei documenti allegati potete  trovare tutte le presentazioni fatte nel corso della giornata.

Pubblicata il 24/07/2019
Immagini
Disponibile in english
Schede correlate
  • Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Maturazione delle uve
    Infowine Focus
    Un estratto dei contenuti di Infowine per approfondire un tema fondamentale per l'ottimizzazione della vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Rimbalza sul web la notizia che la Food and Drug Administration, l'organismo di controllo statunitense, ha riconosciuto "non pericoloso" l'utilizzo di un ceppo di lievito geneticamente modificato, ...
    Pubblicata il:11/01/2007
  • Chiusure: il tema del futuro
    Nel corso di Enoforum 2005 ha riscosso particolare interesse la relazione di Peter Godden, ricercatore dell'Australian Wine Research Institute di Adelaide (South Australia), che ha esposto i risult...
    Pubblicata il:27/04/2005
  • 1ª edizione Premio CARLO MICONI per una tesi di dottorato in Enologia
    Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,984375