italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Vitigni minori, una risorsa preziosa per il rilancio della viticoltura piacentina

Vitigni minori, una risorsa preziosa per il rilancio della viticoltura piacentina

Risultati dell'Azione 2 del Progetto ValorInVitis

Nell’ambito del progetto ValorInVitis, 29 vitigni minori rinvenuti nel comprensorio dei Colli Piacentini sono stati studiati per tre stagioni consecutive per comprendere se alcuni di essi possano essere rivalutati alla luce delle nuove esigenze del mercato e del cambiamento climatico.

Tra i vitigni a bacca bianca oggetto dello studio, Bervedino, vitigno originario del comprensorio della Val d’Arda, si è distinto per l’alta e costante produttività, frutto di una sostenuta fertilità media del germoglio, anche sui nodi basali. Barbesino e Molinelli sono i due vitigni a bacca bianca che si sono rivelati più interessanti per il profilo biochimico delle uve. Entrambi si caratterizzano infatti un rapporto tra zuccheri e acidi organici molto basso, che li rende indicati per la spumantizzazione e per la produzione di vini frizzanti, soprattutto se confrontati con l’Ortrugo, il vitigno più utilizzato nel comprensorio per tali tipologie (Fig. 1). In particolare, Barbesino, antico genotipo della Val Trebbia, ha dimostrato un moderato accumulo degli zuccheri, del tutto simile a quello dell’Ortrugo, mantenendo però allo stesso tempo un’acidità titolabile sempre superiore. Il suo potenziale utilizzo potrebbe quindi essere quello dell’uvaggio con Ortrugo, al fine di migliorarne la qualità dei mosti nelle annate più torride.

Solidi solubili



 

Fig.1 Correlazione tra zuccheri e acidità titolabile nelle uve di Ortrugo, Barbesino e Molinelli durante la maturazione nel 2017.

Tra i vitigni a bacca nera, Ervi, Fruttano e Duraguzza si sono distinti per l’elevata capacità di accumulare antociani (Fig.2). In particolare, Ervi, incrocio dei due vitigni a bacca nera utilizzati per produrre il Gutturnio DOC, ha dimostrato un’alta fertilità del germoglio, un’elevata produttività e un graduale e costante accumulo degli zuccheri nelle uve accompagnato da un deciso e importante accumulo di composti fenolici.

Atociani titoali


 

Fig.2 Correlazione tra zuccheri e antociani totali nelle uve di Ervi, Fruttano e Duraguzza durante la maturazione nel 2017.

Il progetto ha messo in evidenza che alcuni dei vitigni minori dei Colli Piacentini hanno le potenzialità per migliorare la competitività delle produzioni vitivinicole del territorio. Una volta chiarita l’identità genetica delle accessioni di interesse, il collocamento nel catalogo nazionale delle varietà di vite potrebbe aprire la strada al loro utilizzo e diffusione.

Pubblicata il 13/12/2019
Immagini
Disponibile in english
Schede correlate
  • Analisi e composizione delle uve
    Infowine Focus
    una selezione di contenuti dall'archivio di Infowine per approfondire il tema dell'analisi e composizione delle uve in vista della prossima vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Maturazione delle uve
    Infowine Focus
    Un estratto dei contenuti di Infowine per approfondire un tema fondamentale per l'ottimizzazione della vendemmia
    Pubblicata il:08/08/2019
  • Rimbalza sul web la notizia che la Food and Drug Administration, l'organismo di controllo statunitense, ha riconosciuto "non pericoloso" l'utilizzo di un ceppo di lievito geneticamente modificato, ...
    Pubblicata il:11/01/2007
  • Chiusure: il tema del futuro
    Nel corso di Enoforum 2005 ha riscosso particolare interesse la relazione di Peter Godden, ricercatore dell'Australian Wine Research Institute di Adelaide (South Australia), che ha esposto i risult...
    Pubblicata il:27/04/2005
  • 12ª Giornata tecnica Vite e Vino: calo della produzione, ma grande annata per basi spumante e vini da invecchiamento
    Focus tecnico sull'andamento stagionale fitosanitario, qualità dei vini, flavescenza e cimice
    Il 2019 sarà ricordato per un calo della produzione di uve del 15 per cento, ma la qualità dei vini ottenuti si mantiene oltre le aspettative, soprattutto per le basi spumante e i vini da invecchia...
    Pubblicata il:10/12/2019
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,75