italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Novità
  • » Zenith, la rivoluzione nella stabilizzazione del vino ad ogni livello di instabilità
  • Raffaele LOPREIATO – Università degli studi di Padova; Paolo ANTONIALI – Italiana Biotecnologie; Francesco RUSALEN – EVER srl
    Presentato per la prima volta all’ENOFORUM 2015, il progetto Y-TEAM rappresenta oggi il fiore all’occhiello dell’attività di R&D di EVER per le biotecnologie.
    Pubblicata il: 25/06/2018

Zenith, la rivoluzione nella stabilizzazione del vino ad ogni livello di instabilità

Zenith, la rivoluzione nella stabilizzazione del vino ad ogni livello di instabilità

Cos’è il poliaspartato di potassio?

Il poliaspartato di potassio è un poliaminoacido prodotto a partire dall’acido L-aspartico, aminoacido presente nell’uva. Enartis ha usato la sua esperienza nell’ambito della stabilizzazione con uso di colloidi per creare una gamma di prodotti rivoluzionari che sfrutta la sinergia d’azione tra poliaspartato di potassio, colloidi per la stabilizzazione tartarica e colloidi per la stabilizzazione della materia colorante.

 

 

Perché utilizzare Zenith®?

La rivoluzione nella stabilizzazione del vino ad ogni livello di instabilità!
Per tutte le cantine che utilizzano la stabilizzazione a freddo, che vogliono ridurre i costi di produzione, aumentare i loro standard di sostenibilità e garantire la stabilità dei loro vini, Enartis, leader di mercato nei prodotti per la stabilizzazione, introduce un gamma di prodotti rivoluzionari ed eco-sostenibili che consentono di abbandonare per sempre l’utilizzo del freddo, ridurre drasticamente i costi di produzione e le emissioni di gas serra, rispettare le caratteristiche organolettiche del vino e garantire la perfetta stabilizzazione tartarica e del colore nel tempo e in qualsiasi condizione di stress termico.

Quali sono i vantaggi applicativi di Zenith?

Innovazione: Una sfida ambiziosa e sei anni di ricerca in collaborazione con prestigiose istituzioni Europee pubbliche e private, università e importanti player nel campo dell’enologia.

Prestazioni: Stabilità tartarica e del colore duratura nel tempo e resistente a qualsiasi stress termico. Massima filtrabilità fino a 0,45μm.

Qualità: Rispetto delle caratteristiche organolettiche del vino.

Risparmio: Facilità e rapidità d'uso, riduzione drastica dei costi di energia elettrica, acqua e forza lavoro, riduzione delle perdite di vino durante la lavorazione. Fino al 80% in meno di consumo energetico e di acqua potabile.

Sostenibilità: Un traguardo nella sostenibilità ambientale, garantisce una diminuzione del 90% delle emissioni di gas serra. Zenith ama il nostro pianeta!

Prodotti diversi per esigenze diverse

Zenith® Uno: soluzione a base di oliaspartato di potassio A-5D K/SD e anidride solforosa. Assicura la stabilizzazione tartarica di ogni tipo di vino senza modificarne le caratteristiche sensoriali.

Zenith® White: soluzione a base di poliaspartato di potassio A-5D K/SD, carbossimetilcellulosa, gomma arabica e anidride solforosa. Garantisce la completa stabilizzazione tartarica di vini bianchi e rosati coi più alti livelli di instabilità. Migliora la morbidezza gustativa e la freschezza aromatica del vino.

Zenith® Color: Soluzione a base di oliaspartato di potassio A-5D K/SD, gomma arabica Verek, anidride solforosa. La vera alternativa alla stabilizzazione a freddo dei vini rossi, stabilizza allo stesso tempo tartrati e materia colorante, senza modificare le caratteristiche sensoriali del vino.

Zenith® Perlage: Soluzione a base di poliaspartato di potassio A-5D K/SD, mannoproteine e anidride solforosa. Garantisce la perfetta stabilizzazione tartarica e prolunga la shelf life del perlage dei vini spumanti.

 

Visita il sito web Enartis per scoprire la gamma completa di stabilizzanti e gli altri prodotti per la vinificazione. http://www.enartis.com/it/home

Pubblicata il 16/01/2018
Schede correlate
  • Rimbalza sul web la notizia che la Food and Drug Administration, l'organismo di controllo statunitense, ha riconosciuto "non pericoloso" l'utilizzo di un ceppo di lievito geneticamente modificato, ...
    Pubblicata il:11/01/2007
  • Nel corso di Enoforum 2005 ha riscosso particolare interesse la relazione di Peter Godden, ricercatore dell'Australian Wine Research Institute di Adelaide (South Australia), che ha esposto i risult...
    Pubblicata il:27/04/2005
  • Il premio intende valorizzare le attività di ricerca che abbiano portato un valido contributo, sul piano scientifico, applicativo e divulgativo, nel settore dell’analisi chimico-enologica applicata.
    Pubblicata il:05/02/2018
  • "Viticoltura e vinificazione sostenibili in uno scenario di cambiamento climatico"
    Il termine ultimo per l'invio degli abstract è stato prorogato al 20 aprile.
    Pubblicata il:13/04/2017
  • Le borse proposte nel quadro di questo programma sono di breve periodo (da sei mesi fino a quindici mesi al massimo) e sono previste per formazioni specifiche di livello post-universitario.
    Pubblicata il:18/07/2017
  • Programma di borse di ricerca dell’ OIV a sostegno delle aree di programma prioritarie – 2018
    Pubblicata il:25/06/2018
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +