italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito

Consumi? Nulla di scontato …

di Matteo Marenghi

“Soft drink e alta cucina, fusione possibile”. È il titolo di un articolo pubblicato su ‘Bargiornale’ di marzo. Il pezzo spiega come durante l’ultima edizione di Madrid Fusion, simposio internazionale di alta cucina, popolato da chef pluristellati, telecuochi (oramai è una categoria anche questa, chissà se sanno cucinare davvero…) e gastronomi di rango, abbia fatto la propria comparsa anche l’abbinamento fra Coca-Cola e piatti di un certo rilievo. Per ora più che altro finger food, ma non quello di McDonald’s, per intenderci; si tratta infatti di tapas, sushi, crostini a base di formaggi saporiti, bocconcini piccanti ed anche gelatine agrodolci. A me già faceva specie che il colosso del beverage mondiale fosse sponsor di una manifestazione dedicata alla gastronomia raffinata … invece, la lotta fra le bevande, per accompagnare i cibi, è oggi più che mai aperta. In effetti, mentre concettualmente facciamo ancora fatica a considerare surrogabile il vino a pasto, men che meno da bevande gassate, viviamo la feroce esclusione del nettare di Bacco dalle nostre tavole. I conti sono presto fatti: noi italiani, i più accaniti bevitori di vino al mondo, alla fine non consumiamo in media più di un litro di vino alla settimana; vuol dire che i pasti li accompagniamo con altro! Ci sono svariate e note ragioni che hanno portato a questo, ciò che forse facciamo fatica a mettere a fuoco è che il processo non si è ancora concluso, anzi. Ovvero probabilmente siamo ancora lontani dall’equilibrio; un esempio? Le norme sui limiti alcolici consentiti a chi è alla guida da noi iniziano solo ora ad intaccare le attitudini delle persone; dobbiamo attenderci quindi ulteriori cali nel consumo di vino. Non giova poi il recente scandalo sull’ingente quantitativo di vino contraffatto smerciato nei segmenti a prezzo più basso. Ciò ingenererà la convinzione che valga la pena bere vino solo se si tratta di elevata qualità, dimostrata anche da un congruo costo della bottiglia. E questo non potrà che deprimere i consumi di vini beverini e senza troppe pretese, proprio quelli che meglio di altri possono accompagnare pranzi veloci e spuntini. Paradossalmente, quindi, le bevande più industriali, parlo ovviamente di tutti i soft drink ma anche delle birre, acquisiscono un’aurea di maggiore affidabilità anche dal punto di vista salutistico: nullo o labile il legame con la naturalità, ma, proprio per questo, assoluta garanzia di un dosaggio corretto degli ingredienti (tutti ammessi) e di un controllo molto più routinario che nel vino. La sensazione è che l’Italian style of life sia destinato a divenire, anche per gli stessi italiani, un fatto più occasionale che quotidiano, ed il mondo del vino deve cominciare a prenderne coscienza. Ciò vuol dire anche che occorre continuare a presidiare le tematiche dell’abbinamento con i cibi, proprio perché le altre bevande non stanno a guardare. Tutto il segmento di quelle gassate sta orientandosi verso tipologie sempre meno ricche in zucchero, quando non addirittura sugar free, poi ci sono gli integratori energetico-salini che partiti da un consumo indirizzato al mondo degli sportivi ora sono normalmente distribuiti in bar e locali simili. Le birre poi, già avvantaggiate per il debole tasso alcolico rispetto al vino, hanno colto la palla al balzo e proposto diverse linee totalmente analcoliche. Il mondo del vino ha di fronte quindi grandi sfide, e certamente dovrà abituarsi a notevoli cambiamenti. Ora tutto deve essere approcciato in modo più laico, più pragmatico, ed occorreranno nuove abilità per dialogare proficuamente con il variegato mondo della ristorazione, anch’esso in preda a modificazioni velocissime se paragonate all’immobilità di solo 20 o 30 anni fa. Basti pensare che il maggior competitor del vino a tavola oggi è rappresentato dalle acque minerali. Anni fa l’acqua era comunque presente al ristorante, ma come partner insostituibile e fedelissimo del vino!
Pubblicata il 07/05/2008
Schede correlate
    Adriano Zago
    docente e consulente in viticoltura ed enologia biodinamica
    Laureato in Agraria presso l’Università di Padova, ed in Viticoltura ed Enologia presso l’Università di Montpellier, inizia a lavorare come responsabile dei vigneti in aziende del Chianti Classico ...
    Pubblicata il:12/11/2016
    di Gianni Trioli
    Ieri a Firenze ero alla presentazione di un nuovo libro che parla di vino, rivolto al consumatore, che si prefigge l’obiettivo di fornirgli informazioni storiche, culturali e tecniche. Il punto di ...
    Pubblicata il:12/12/2007
    di Raffaele Lovino, CRA Istituto Sperimentale per l'Enologia, SOP Barletta
    A proposito dell'editoriale “il perverso destino dei risultati scientifici.....e dei nostri soldi” di Gianni Trioli edito sulla rivista internet di viticoltura ed enologia, anno VI n. 5/1: condivid...
    Pubblicata il:09/07/2007
    di Maurizio Gily, consulente e giornalista
    Il Ministero ha espresso parere negativo sull’utilizzo di tappi alternativi al sughero per i vini a DOCG, rispondendo così picche ad una richiesta di UNAVINI. Orbene, il punto non è se i funzionari...
    Pubblicata il:15/12/2005
    di Matteo Marenghi
    È recente la norma che impone ai locali pubblici di esporre tabelle che indicano, in base al peso corporeo ed al sesso, il quantitativo massimo delle più comuni bevande alcoliche assumibile senza s...
    Pubblicata il:27/10/2008
    di Gianni Trioli
    È stato annunciato da poche settimane la II Conferenza Internazionale su Cambiamento Climatico e Vino, che nasce sul grande interesse suscitato dalla prima edizione 2006 e che vede come invitato sp...
    Pubblicata il:12/10/2007
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,640625