italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Altro
  • » Opinioni
  • » Critici del cibo e del vino? Se servono…
  • La tecnica Real-Time PCR permette di rilevare la presenza di DNA di Brettanomyces già a bassissime quantità ed in sole 48-72 ore
    Il Laboratorio Polo (Gruppo Bioenologia 2.0) leader in ricerca e innovazione nel campo delle analisi enologiche, si è recentemente dotato di una sofisticatissima strumentazione per agire preventiva...
    Pubblicata il: 01/08/2018

Critici del cibo e del vino? Se servono…

di Matteo Marenghi

Nella pluralità dell’offerta, una guida, un criterio, una classificazione sono certamente di grande aiuto. Purché tali pareri siano utili a dipanare la matassa, e non un esercizio dialettico. In questo senso un critico del vino o del cibo serve tanto al mondo della produzione e del commercio, quanto al consumatore. Purché, a quest’ultimo, risolva dei problemi anziché crearglieli. Oggi assistiamo ad una superproduzione di giudizi, che impesta guide, libri, riviste di cucina, programmi televisivi, ma assai raramente questa mole di comunicazione si rivela utile ai fruitori; spesso disorienta e nella migliore delle ipotesi annoia, quando addirittura non irrita. “La spesa media dei clienti di Waitrose è di 5,8 sterline per bottiglia di vino, per quelli di Sainbury è di 4,46” spiega Andrew Jefford sul numero di agosto di Decanter, quindi, aggiungiamo noi, ragionevolmente meno pagano i frequentatori di Tesco e Asda, per restare in Inghilterra. In Italia la spesa è certamente ancora più ridotta. Io stesso, questa estate, non sono riuscito a trovare, in un Lidl di Riva Ligure, una bottiglia di vino che costasse più di 3,25 euro (tale fantasmagorica cifra apparteneva ad un rosso a denominazione, spagnolo, riserva, vendemmia 2004, tutto avvolto in una reticella dorata!). Tornando a quanto riportava Jefford, è chiaro che pur in quel range è ben difficile trovare vini che potremmo definire ‘fini’ o comunque di qualità superiore. Ma sono quelli i vini che fanno mercato, e che la gente compra. A cosa serve quindi tutto quel popò di comunicazione, di resoconti, di degustazioni prestigiose, di verticali ‘mitologiche’ che affollano riviste, giornali, siti internet… se poi il destinatario di cotanta informazione accede a bottiglie ben più abbordabili di quelle di cui gli narriamo? Quanta quota di autocelebrazione - da parte dei critici, ovviamente - c’è nel raccontare di prodotti che viaggiano in canali che quasi mai si intersecano con il ‘comune bevitore’ seppur appassionato? Tanto per essere chiari, si tratta di vini che neppure il critico in questione è disposto a comprare (se gliene scovate una bottiglia in casa, potete giurare che gliela hanno regalata!). Ma non solo l’oggetto della degustazione è fuori focus, anche il metodo. Al consumatore servono indicazioni sui vini che berrà a pranzo o a cena; il critico invece ammannisce responsi su degustazioni ‘asettiche’ e con descrizioni spesso comparative nei confronti di altri vini della stessa batteria, non certo di eventuali piatti a cui accostarli. E poi, perché parlar di tutto tranne che delle cose utili? Chi mai ragiona anche della bontà in confronto del prezzo? Come mai si glissa su quello che è il principale fattore esaminato da chi si predispone all’acquisto? È veramente ora di riscrivere le modalità con cui si parla di vino e dei vini, specie da noi; la stampa anglosassone in parte ha già cambiato rotta e i reportage sui vini da supermercato, con violente stroncature di quelli scadenti, proliferano. La credibilità dei critici è poi un’altra questione, non certo però secondaria. Ma sarà possibile leggere solo e soltanto giudizi positivi? Perché non vediamo servizi ‘seri’ che confrontano aziende, vini e costi ove si stilano classifiche che riportano anche chi arriva ultimo? Perché non ci dicono che un determinato vino (tenendo conto del suo prezzo) è assolutamente sovrastimato in confronto ad altri competitor? Inoltre, oramai assuefatti ai soliti giudizi positivi sui soliti vini delle solite aziende, dobbiamo beccarci anche paginate di elogi personali al produttore-personaggio, alla di lui moglie e, ovviamente al solito enologo di grido (che conosce quel determinato terroir come io conosco l’ingegneria spaziale). Non è questo uno scrivere melenso, servile ed assolutamente demodé? E soprattutto, c’è ancora bisogno di creare idoli sulle cose da mangiare e da bere?
Pubblicata il 02/10/2008
Schede correlate
  • di Gianni Trioli
    Ieri a Firenze ero alla presentazione di un nuovo libro che parla di vino, rivolto al consumatore, che si prefigge l’obiettivo di fornirgli informazioni storiche, culturali e tecniche. Il punto di ...
    Pubblicata il:12/12/2007
  • di Raffaele Lovino, CRA Istituto Sperimentale per l'Enologia, SOP Barletta
    A proposito dell'editoriale “il perverso destino dei risultati scientifici.....e dei nostri soldi” di Gianni Trioli edito sulla rivista internet di viticoltura ed enologia, anno VI n. 5/1: condivid...
    Pubblicata il:09/07/2007
  • di Maurizio Gily, consulente e giornalista
    Il Ministero ha espresso parere negativo sull’utilizzo di tappi alternativi al sughero per i vini a DOCG, rispondendo così picche ad una richiesta di UNAVINI. Orbene, il punto non è se i funzionari...
    Pubblicata il:15/12/2005
  • di Matteo Marenghi
    È recente la norma che impone ai locali pubblici di esporre tabelle che indicano, in base al peso corporeo ed al sesso, il quantitativo massimo delle più comuni bevande alcoliche assumibile senza s...
    Pubblicata il:27/10/2008
  • di Gianni Trioli
    È stato annunciato da poche settimane la II Conferenza Internazionale su Cambiamento Climatico e Vino, che nasce sul grande interesse suscitato dalla prima edizione 2006 e che vede come invitato sp...
    Pubblicata il:12/10/2007
  • di Gianni Trioli
    Negli ultimi tempi si fanno sempre più frequenti i congressi, gli articoli e le discussioni sul cambiamento climatico. Pur avendo perso i due interessanti congressi di Zaragoza, ho avuto l’occasion...
    Pubblicata il:26/06/2007
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +