italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • La mela non si tocca - A Diachem movie
    Una visione che si proietta sul domani con una proposta sostenibile e integrata, che parte dal desiderio di contribuire alla sicurezza alimentare globale, rispettando Uomo e Ambiente.
    Pubblicata il: 24/11/2021

Manca la visione d'insieme

di Matteo Marenghi

Il vino è una bestia strana, è un cerbero non bifronte ma multifronte, è l’eccezione più originale dell’intero settore agroalimentare. È l’unico prodotto della terra le cui quotazioni oscillano da 0,2 euro al litro a decine, non raramente centinaia, e perfino migliaia di euro la bottiglia. Questo è il vino. Se a ciò aggiungete l’Italia, che più di altri paesi assomma modalità produttive talmente differenziate da divenire antitetiche, ottenete una miscela esplosiva, un oggetto non più riassumibile né definibile. Eppure anche l’Italia del vino ha bisogno di una somma, di una sintesi, perlomeno se vuole dialogare con le istituzioni, con i consumatori, e con la stessa filiera produttiva. E quella del dialogo non è un’opzione, bensì un’esigenza vitale. Come fare a difendere il vino, ad esempio, se non si tratteggia correttamente cosa rappresenta il vino ed il suo intorno? Ma anche come tutelare gli interessi dei produttori se non si coglie l’aspetto unificante della produzione? In Italia il produttore è sia il pensionato ultrasettantenne che coltiva, con passione, qualche centinaio di metriquadri di vigne, sia il grande gruppo, magari inserito in una multinazionale, che gestisce diverse centinaia di ettari, in regioni differenti, e vende direttamente sui mercati del mondo. Chi fa la somma di interessi così differenti? Nessuno. L’Italia del vino è l’Italia agricola descritta dalle organizzazioni sindacali, assieme a quella tratteggiata dalle diverse federazioni che raggruppano le cantine sociali, ma è anche quella degli industriali, degli imbottigliatori, quella dei consorzi, quella dei commercianti e delle loro associazioni. Negli ultimi anni l’Italia del vino è divenuta anche quella dei supermercati, con le loro politiche e le loro pressioni, che apparentemente nulla hanno in comune con la filiera vitivinicola, ma senza i quali milioni di ettolitri di vino italico non giungerebbero sulle tavole dei consumatori. Oggi non si può più parlare di vino se non si considerano sempre, simultaneamente, tutti questi aspetti. E infatti spesso non si parla appropriatamente di vino. Qualche esempio? Il dibattito sulla prossima Ocm di settore, oppure, appena prima, la discussione (inutile, perchè tutto si è bloccato) sulla possibile nuova 164, oppure la diatriba mai sopita sulle modalità di organizzazione dei controlli. Non si va avanti nelle tematiche, a meno che non vengano imposte dall’esterno, come sarà per la prossima Ocm, perchè non esiste un soggetto, interno al mondo del vino, che abbia una visione di insieme del comparto. Abbiamo solo interlocutori che portano le proprie istanze e quelle dei settori che rappresentano. Istanze assolutamente lecite ma che se non trovano punti di coesione con le richieste (altrettanto lecite) dei soggetti che rappresentano altri interessi, non producono nessuna aggregazione e nessun progresso. Da cosa cominciare? Sicuramente dalle esigenze del mondo del consumo. Chi oggi intende tutelare la produzione non venendo incontro contemporaneamente alle richieste del consumatore, non è un mediatore efficace per il mondo del vino. Quindi basta con le chiusure su controlli, garanzie, presentazione ed etichettature dei vini. Il secondo passo sarà la maggiore consapevolezza che, per funzionare, la filiera deve gratificare tutti i soggetti coinvolti. L’imbottigliatore che affama il produttore di uve, o il viticoltore che ricatta il trasformatore (fenomeno meno diffuso) lavorano, efficacemente, alla propria rovina e a quella dell’intero settore.
Pubblicata il 17/05/2007
Schede correlate
    Adriano Zago
    docente e consulente in viticoltura ed enologia biodinamica
    Laureato in Agraria presso l’Università di Padova, ed in Viticoltura ed Enologia presso l’Università di Montpellier, inizia a lavorare come responsabile dei vigneti in aziende del Chianti Classico ...
    Pubblicata il:12/11/2016
    di Gianni Trioli
    Ieri a Firenze ero alla presentazione di un nuovo libro che parla di vino, rivolto al consumatore, che si prefigge l’obiettivo di fornirgli informazioni storiche, culturali e tecniche. Il punto di ...
    Pubblicata il:12/12/2007
    di Raffaele Lovino, CRA Istituto Sperimentale per l'Enologia, SOP Barletta
    A proposito dell'editoriale “il perverso destino dei risultati scientifici.....e dei nostri soldi” di Gianni Trioli edito sulla rivista internet di viticoltura ed enologia, anno VI n. 5/1: condivid...
    Pubblicata il:09/07/2007
    di Maurizio Gily, consulente e giornalista
    Il Ministero ha espresso parere negativo sull’utilizzo di tappi alternativi al sughero per i vini a DOCG, rispondendo così picche ad una richiesta di UNAVINI. Orbene, il punto non è se i funzionari...
    Pubblicata il:15/12/2005
    di Matteo Marenghi
    È recente la norma che impone ai locali pubblici di esporre tabelle che indicano, in base al peso corporeo ed al sesso, il quantitativo massimo delle più comuni bevande alcoliche assumibile senza s...
    Pubblicata il:27/10/2008
    di Gianni Trioli
    È stato annunciato da poche settimane la II Conferenza Internazionale su Cambiamento Climatico e Vino, che nasce sul grande interesse suscitato dalla prima edizione 2006 e che vede come invitato sp...
    Pubblicata il:12/10/2007
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,640625