italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • Agrigenius Vite, il DSS di BASF per la viticoltura sostenibile e di precisione
    Il Gruppo amplia la propria offerta e si afferma sempre più nel mercato come fornitore di soluzioni complete per l’agricoltura
    È completamente “made in Italy” il primo servizio digitale della divisione Agricultural Solutions di BASF: si tratta di Agrigenius - Il tutor per l’agricoltura”, un sistema di supporto alle decisio...
    Pubblicata il: 17/12/2020

Probabilmente, sta cambiando tutto…

di Matteo Marenghi

Non si può mai essere perentori nelle previsioni ma siamo verosimilmente alla soglia di grandi modificazioni degli orizzonti entro cui il comparto vitivinicolo si muove. Non vi sono solo segnali ipotetici ma anche date ben codificate, eppure … Oggi gli interrogativi più seri che affliggono la filiera vitienologica riguardano il mercato, ed a questi, sinceramente, nessuno può dare risposta. Più “utile” invece preoccuparsi della propria situazione nei confronti del sistema in cui si agisce; ovvero, avere la conferma che le strategie collettive ed anche aziendali si muovono in sincronia con il mutamento veloce degli scenari produttivi, competitivi e del consumo. Su questo campo, però, certamente vasto e nebuloso, non si registrano dibattiti o considerazioni rilevanti. Ci sono infatti tematiche nuove che avanzano e che stanno per impattare sui produttori di tutto il mondo. Se restringiamo il campo a quelli europei poi, vediamo che i cambiamenti che interverranno molto sono legati, o è perlomeno didatticamente utile farli coincidere, all’ultima riforma dell’Ocm vino. Fra le novità introdotte la possibilità, a far tempo dall’ormai prossimo primo agosto 2009, di indicare in etichetta il nome di vitigno (oltre all’anno di vendemmia) anche nei vini da tavola. Ciò avvicinerà (è un parere personale ma, ritengo, condivisibile) molto questa categoria a quella dei vini a denominazione di origine (che da Doc diverranno Dop, armonizzandosi con le regole già a valere per gli altri prodotti agroalimentari diversi dal vino e divenendo soggetti a decisioni non più ‘romane’ ma di Bruxelles). Questo - siamo ancora nel campo di considerazioni opinabili, ma chi ne ha di diverse le esponga - determinerà un calo dell’attrattività delle denominazioni minori nei confronti del consumatore (che troverà vini “varietali” anche nelle categorie dei prodotti da tavola) e, magari, una fuga dei produttori dal complesso ed oneroso sistema dei vini a legame geografico. Qualcuno ha tentato di aprire un dibattito serio su questo? No, da una parte c’è chi urla allo scandalo paventando la perdita tout court di almeno metà del patrimonio delle denominazioni nazionali (ma per meri effetti burocratici e non per risposte del mercato), dall’altra ci sono gli ambienti istituzionali impegnati a rassicurare tutti sul fatto che nulla cambierà. Cosa che, di per sé, a me suona tutt’altro che rassicurante! Ma non è tutto: Doc che diventano Dop non creano particolari problemi, ma Igt che divengono Igp si. Ad esempio per l’obbligatorietà sia della vinificazione in zona sia di esami fisico-chimici e sensoriali cui al momento questa categoria di vino non è sottoposta. Vi è anche l’ampio capitolo dei consorzi e dei controlli, mai affrontato seriamente dalla promulgazione della legge 164 in avanti e periodicamente rappezzato con decreti. Ora la somma delle norme accumulatesi non tiene più e, soprattutto, i riferimenti comunitari su chi può effettuare i controlli certamente non permettono di far rientrare fra questi i consorzi. Proprio mentre anche le entità più piccine e meno organizzate, per sopravvivere (o semplicemente rimandare la morte…) si stanno attrezzando per eseguire i controlli “Erga Omnes” ovvero sull’intera denominazione. È quindi chiaro che argomenti da dibattere ve ne sarebbero anche solo limitandoci ad alcuni punti dell’Ocm… Ma vi sono anche altre tematiche, per nulla legate a mere pastoie burocratiche, che sposteranno pesantemente i consumi in direzioni finora poco o nulla considerate. Ad esempio vi è l’impatto delle questioni etiche ed ambientali su un prodotto, il vino, che fino ad oggi ha scommesso tutto solo sull’origine, da un lato, e sulla qualità percepita, ovvero quella tempo per tempo codificata dai gusti e dai giudizi degli esperti, dall’altro. E quindi mentre migliaia di produttori italici si sforzano di descrivere affannosamente sentori di fiori, frutta ed altro vi sono già consumatori che decidono gli acquisti in base all’etica di produzione dei cibi, ai chilometri che gli stessi compiono per giungere sulla tavola, ai comportamenti aziendali nei confronti dell’ambiente nel senso più ampio del termine. Facendo un esempio banale, potrebbe essere oggi più vantaggioso spiegare in retroetichetta che si è impiegato un vetro leggero ed un tappo a vite (riciclabile) che non indicare la più idonea temperatura di servizio del vino. O mettere un’immagine del proprio impianto di depurazione dei reflui di cantina anziché un ritratto di un avo prestigioso…
Pubblicata il 24/03/2009
Schede correlate
    Adriano Zago
    docente e consulente in viticoltura ed enologia biodinamica
    Laureato in Agraria presso l’Università di Padova, ed in Viticoltura ed Enologia presso l’Università di Montpellier, inizia a lavorare come responsabile dei vigneti in aziende del Chianti Classico ...
    Pubblicata il:12/11/2016
    di Gianni Trioli
    Ieri a Firenze ero alla presentazione di un nuovo libro che parla di vino, rivolto al consumatore, che si prefigge l’obiettivo di fornirgli informazioni storiche, culturali e tecniche. Il punto di ...
    Pubblicata il:12/12/2007
    di Raffaele Lovino, CRA Istituto Sperimentale per l'Enologia, SOP Barletta
    A proposito dell'editoriale “il perverso destino dei risultati scientifici.....e dei nostri soldi” di Gianni Trioli edito sulla rivista internet di viticoltura ed enologia, anno VI n. 5/1: condivid...
    Pubblicata il:09/07/2007
    di Maurizio Gily, consulente e giornalista
    Il Ministero ha espresso parere negativo sull’utilizzo di tappi alternativi al sughero per i vini a DOCG, rispondendo così picche ad una richiesta di UNAVINI. Orbene, il punto non è se i funzionari...
    Pubblicata il:15/12/2005
    di Matteo Marenghi
    È recente la norma che impone ai locali pubblici di esporre tabelle che indicano, in base al peso corporeo ed al sesso, il quantitativo massimo delle più comuni bevande alcoliche assumibile senza s...
    Pubblicata il:27/10/2008
    di Gianni Trioli
    È stato annunciato da poche settimane la II Conferenza Internazionale su Cambiamento Climatico e Vino, che nasce sul grande interesse suscitato dalla prima edizione 2006 e che vede come invitato sp...
    Pubblicata il:12/10/2007
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,108398