italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Altro
  • » Opinioni
  • » Quando anche i sogni hanno un ‘budget’…

Quando anche i sogni hanno un ‘budget’…

Di Matteo Marenghi

I vini della fascia ‘basic’ o ‘popular premium’ hanno da sempre una domanda molto reattiva nei confronti del prezzo, ma non così si comportavano quelli delle fasce più alte. Ora, per effetto della crisi oramai a dimensione mondiale, anche nei ‘super premium’ e negli ‘icon’ il clima è cambiato, forse per sempre L‘ultima nota di congiuntura Ismea, relativa al terzo trimestre 2008, conferma un doppio rallentamento per il vino italiano: i consumi interni continuano a mordere il freno mentre calano anche le spedizioni all’estero. Nessuno ha dubbi sul fatto che la crisi, oramai recessione manifesta, non potrà vedere miglioramenti se non nell’arco di 12 o più probabilmente 24 mesi. Nel frattempo le sempre più limitate disponibilità economiche delle famiglie determinano un calo dei pasti consumati fuori casa ma anche una limatura sulla spesa enoica presso supermercati e negozi. Diminuiti dell’1,8% gli acquisti di vino fino a settembre 2008 rispetto allo stesso periodo del 2007, mentre si può parlare di collasso vero e proprio degli spumanti, in flessione del 12,5%. Reazioni prevedibili di un paese economicamente debole con ampi strati sociali poco abbienti? Non solo! Peter Meltzer, in un articolo pubblicato lo scorso novembre sul sito di Wine Spectator riferisce che anche nel campo delle aste dei vini prestigiosi siamo ai saldi, con prodotti fino a ieri considerati più sicuri dell’oro che vengono venduti con sconti impensabili. Un esempio: Hong Kong, presso Acker Merrall & Condit una cassa di Romanée-Conti 1990 ha realizzato 235.950 dollari a maggio e ‘soli’ 137.359 il 15 novembre scorso; esattamente lo stesso lotto. I vini da collezione avevano visto più che raddoppiare le proprie quotazioni a partire dal 2004 ma da ottobre scorso le quotazioni hanno preso a scendere, e vistosamente, proprio parallelamente alla diffusione delle prime circostanziate notizie degli effetti della crisi: “i prezzi devono ritornare realistici - hanno dichiarato gli esperti di settore - noi sapevamo che la situazione non era sostenibile”. E intanto la gente non compra: il tasso di vendita dei lotti battuti è infatti calato dal 94% (media di settembre) al 64 di novembre, con un preoccupante 31% registrato all’asta di Christie’s lo scorso 21 novembre a New York. Insomma, anche i collezionisti ora cercano vini a prezzi più ragionevoli, e i venditori, se vogliono realizzare, devono accontentarli. Vabbè - potreste obiettare - ma tanto quei vini non si bevono! Ma lo Champagne sì. Giles Fallowfield in un articolo comparso ai primi di dicembre sul sito di Decanter dichiara che le vendite di Champagne nel mondo sono calate di oltre il 20% in ottobre (dati non sospetti, perché forniti dal CIVC, l’associazione che ne cura gli interessi). L’export in Europa cede del 24% mentre il resto del mondo (inclusi quindi Giappone, Stati Uniti e Russia) perde il 23%; anche in Francia le vendite segnano un preoccupante –20%. Il tutto è amplificato dal fatto che si tratta dei mesi più propizi per questo vino, in prossimità delle feste. Un esempio chiaro della situazione è quello della catena inglese Sainsbury's che ha ridotto il prezzo di 6 brand leader delle vendite a 15 sterline la bottiglia, con alcune di esse, quali Lanson Black Label, GH Mumm e Piper-Heidsieck – diminuite di oltre 10 sterline a bottiglia. Contemporaneamente Gary Boom, presidente di ‘UK Merchants’, ha lanciato un monito assai circostanziato: “se i commercianti di Bordeaux non abbasseranno i prezzi del 50% la vendita en primeur dell’annata 2008 sarà un disastro”. Ciò è giustificato – dice - per un 20% dalla continua rivalutazione dell’euro sulla sterlina, ma dal rimanente 30% dalla mutata situazione internazionale e, più pretestuosamente, dalle basse aspettative qualitative del millesimo. Insomma, ci è spesso stato detto che il prezzo degli Champagne, come di altri prodotti di fascia alta, è ‘ragionevolmente’ elevato perché quello che la gente compra è più propriamente un sogno, e non un vino. Ma i fatti dimostrano che anche i sogni hanno un ‘budget’ e, giocoforza, occorrerà rivedere molte strategie di posizionamento e ‘pricing’ anche di questi prodotti, che alla fine hanno mostrato di reagire in modo non dissimile dai loro parenti più poveri. Certamente oggi, ma potrebbe anche trattarsi di un processo di non ritorno, anche gli intoccabili alloggiati nella casta degli ‘icon’ se vogliono avere vendite significative devono piegarsi all’inclemente esame del rapporto qualità/prezzo, consapevoli però che il correttivo apportato dall’immagine non può (e forse non potrà più) stravolgere le carte in tavola.
Pubblicata il 16/12/2008
Schede correlate
    Adriano Zago
    docente e consulente in viticoltura ed enologia biodinamica
    Laureato in Agraria presso l’Università di Padova, ed in Viticoltura ed Enologia presso l’Università di Montpellier, inizia a lavorare come responsabile dei vigneti in aziende del Chianti Classico ...
    Pubblicata il:12/11/2016
    di Gianni Trioli
    Ieri a Firenze ero alla presentazione di un nuovo libro che parla di vino, rivolto al consumatore, che si prefigge l’obiettivo di fornirgli informazioni storiche, culturali e tecniche. Il punto di ...
    Pubblicata il:12/12/2007
    di Raffaele Lovino, CRA Istituto Sperimentale per l'Enologia, SOP Barletta
    A proposito dell'editoriale “il perverso destino dei risultati scientifici.....e dei nostri soldi” di Gianni Trioli edito sulla rivista internet di viticoltura ed enologia, anno VI n. 5/1: condivid...
    Pubblicata il:09/07/2007
    di Maurizio Gily, consulente e giornalista
    Il Ministero ha espresso parere negativo sull’utilizzo di tappi alternativi al sughero per i vini a DOCG, rispondendo così picche ad una richiesta di UNAVINI. Orbene, il punto non è se i funzionari...
    Pubblicata il:15/12/2005
    di Matteo Marenghi
    È recente la norma che impone ai locali pubblici di esporre tabelle che indicano, in base al peso corporeo ed al sesso, il quantitativo massimo delle più comuni bevande alcoliche assumibile senza s...
    Pubblicata il:27/10/2008
    di Gianni Trioli
    È stato annunciato da poche settimane la II Conferenza Internazionale su Cambiamento Climatico e Vino, che nasce sul grande interesse suscitato dalla prima edizione 2006 e che vede come invitato sp...
    Pubblicata il:12/10/2007
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,136719