italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • Il naturale potenziale protettivo del lievito nell’affinamento dei vini, esaltato da un innovativo processo di lisi.
    La matrice fresca del lievito sottoposta ad un innovativo processo di lisi (X-PRO®), che mantiene completamente inalterata la materia naturale di partenza e le sue ben conosciute proprietà stabiliz...
    Pubblicata il: 15/03/2019

Vino e supermercato: la Torre di Babele

di Matteo Marenghi

In un ipermercato ci sono oggi mediamente oltre 600 referenze di vino e spesso, pur trascorrendo nel reparto vini più del doppio del tempo che dedica ad altri settori, il consumatore se ne va senza comprare; è disorientato. La possibilità di scegliere è premiante, ma occorrono criteri in grado di orientare meglio all’acquisto, tanto più nel mondo del vino di casa nostra dove all’esasperata frammentazione dell’offerta si aggiunge la totale assenza di marchi di riferimento ed un sistema di denominazioni fra i più complessi al mondo. Non è quindi solo colpa del supermercato se mancano fra gli scaffali politiche assortimentali efficaci. Tuttavia dalla Gdo il vino non può prescindere, dato che gli ultimi ‘numeri’ danno circa il 65% di venduto transitato attraverso il canale moderno in Italia. Ma nemmeno il supermercato può fare senza il nettare di Bacco: il vino è una categoria strategica per l’insegna di Gdo ed il valore di vendita supera i 1.300 milioni di euro l’anno. Ma un problema nel rapporto fra i due esiste, eccome. Non a caso il 2008 ha segnato un punto di flesso nelle dinamiche di sviluppo del canale moderno; è la prima volta in 10 anni che l’annata si chiude, per il vino, con dati negativi. Esaminando le cifre fornite da IRI-Infoscan, e quindi rilevate alle casse dei supermercati italiani, c’è una flessione dell’1,7% del numero di pezzi di vino confezionato venduti nell’ultimo anno e, pur con la consapevolezza che siamo in una fase di crisi economica generale, alcune considerazioni vanno fatte. Esplodendo questo dato si vede che il segmento che cede di più è quello del vino in brik (-4,3%), e ciò non sorprende, anzi, è una conferma; già da anno il brik cede spazio alla bottiglia da 0,75 (anche perché, spesso, quest’ultima è più conveniente). C’è comunque pure una diminuzione dello 0,3% del formato da 0,75 della bottiglia, segnale poco rassicurante, mentre cala ben del 4,3% (ma questa non è una novità) la vendita del formato da un litro e mezzo. Negli ultimi anni si sono anche accanite alcune tendenze: la parte maggioritaria (oltre il 60%) dei vini in Gdo viene proposta a prezzi al di sotto dei 3 euro, e altrettanto evidente, incombe una sempre più forte pressione promozionale (maggiore del 50%). Da una recente indagine Syngenta-Rocchelli emergono altri dati interessanti. Nella fascia superiore agli 8 euro nel 2008 (parliamo di vino rosso, ma il bianco ha le stesse tendenze) si è venduto più vino (incremento del 2,3% sull’anno precedente) mentre nella fascia fra 2 e 3 euro si è registrato un sensibile decremento. È cresciuto invece il volume di vendita dei vini al di sotto dei due euro. Insomma, si evidenzia sempre più una polarizzazione delle scelte con in crescita i segmenti di prezzo molto bassi e molto alti; nel mezzo, dove si colloca la maggior parte della produzione italiana, si soffre. L’interpretazione è semplice: il consumatore, pur con possibilità di spesa differenti, cerca situazioni chiaramente definite. Vuole o una forte convenienza o una altrettanto certissima qualità, e per individuare questi prodotti si affida a messaggi netti che non lasciano spazio alla confusione; il messaggio più efficace in questo senso è il prezzo. Nella fascia media, in cui, come si diceva, si concentra la stragrande maggioranza dell’offerta, i messaggi che le bottiglie lanciano non sono chiari, anzi regna la confusione. È decisamente tempo di una nuova politica assortimentale per il vino al supermercato. La struttura piramidale teorica del sistema delle denominazioni italiane non può essere di grande aiuto, e meno lo sarà con l’entrata in vigore dell’Ocm che depotenzia le demarcazioni fra vini con e senza menzione territoriale e di vitigno; quindi ogni insegna dovrà impegnarsi a creare una più intelligibile gradazione del valore delle bottiglie per far capire agli avventori cosa stanno comprando. E non si tratta di mettere sporadicamente un sommelier fra le corsie, bisogna che l’esposizione e l’assortimento parlino da sé: non può essere solo il prezzo la chiave di lettura delle caratteristiche dei prodotti, soprattutto con l’uso spregiudicato (nei due sensi) che oggi se ne fa.
Pubblicata il 29/09/2009
Schede correlate
  • docente e consulente in viticoltura ed enologia biodinamica
    Laureato in Agraria presso l’Università di Padova, ed in Viticoltura ed Enologia presso l’Università di Montpellier, inizia a lavorare come responsabile dei vigneti in aziende del Chianti Classico ...
    Pubblicata il:12/11/2016
  • di Gianni Trioli
    Ieri a Firenze ero alla presentazione di un nuovo libro che parla di vino, rivolto al consumatore, che si prefigge l’obiettivo di fornirgli informazioni storiche, culturali e tecniche. Il punto di ...
    Pubblicata il:12/12/2007
  • di Raffaele Lovino, CRA Istituto Sperimentale per l'Enologia, SOP Barletta
    A proposito dell'editoriale “il perverso destino dei risultati scientifici.....e dei nostri soldi” di Gianni Trioli edito sulla rivista internet di viticoltura ed enologia, anno VI n. 5/1: condivid...
    Pubblicata il:09/07/2007
  • di Maurizio Gily, consulente e giornalista
    Il Ministero ha espresso parere negativo sull’utilizzo di tappi alternativi al sughero per i vini a DOCG, rispondendo così picche ad una richiesta di UNAVINI. Orbene, il punto non è se i funzionari...
    Pubblicata il:15/12/2005
  • di Matteo Marenghi
    È recente la norma che impone ai locali pubblici di esporre tabelle che indicano, in base al peso corporeo ed al sesso, il quantitativo massimo delle più comuni bevande alcoliche assumibile senza s...
    Pubblicata il:27/10/2008
  • di Gianni Trioli
    È stato annunciato da poche settimane la II Conferenza Internazionale su Cambiamento Climatico e Vino, che nasce sul grande interesse suscitato dalla prima edizione 2006 e che vede come invitato sp...
    Pubblicata il:12/10/2007
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 2,15625