italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Video
  • » Contenere le deviazioni sensoriali da Brettanomyces con l’inoculo di batteri selezionati
  • La gestione dei gas disciolti nel vino
    Angelita Gambuti, Università di Napoli; Marco Li Calzi, Tebaldi Srl
    Approfondisci questo tema guardando i video ripresi ad Enoforum 2019 e vieni a trovarci allo stand Tebaldi del SIMEI (Pad.11- stand T11-U12) per parlare di questa tecnologia....
    Pubblicata il: 05/11/2019

Contenere le deviazioni sensoriali da Brettanomyces con l’inoculo di batteri selezionati

Sibylle Krieger Weber, Lallemand (G) – Enoforum 2019

Contenere le deviazioni sensoriali da Brettanomyces con l’inoculo di batteri selezionati

Tra le buone pratiche per la gestione delle contaminazioni da Brettanomyces l’OIV raccomanda l’utilizzo di batteri malolattici selezionati in co-inoculo. Questa pratica di fatto riduce al minimo la finestra temporale tra fine fermentazione alcolica ed inizio malolattica.

La Dott.ssa Sibylle Krieger Weber (Responsabile R&D batteri del gruppo Lallemand) presenta nel video a seguire due recenti studi condotti dall’Institut Français de la Vigne et du Vin e dalla Oregon State University dove viene mostrato come la presenza di cellule vitali di Oenococcus oeni limiti ed inibisca la crescita di Brettanomyces. I dati raccolti in questi studi evidenziano come in una malolattica spontanea, partendo dallo stesso livello di contaminazione iniziale, il livello finale di Brett nel vino risulti 100 volte superiore rispetto al vino coinoculato.

Qualora il coinoculo non possa essere effettuato, il rischio di Brettanomyces può essere ridotto anche attraverso l’inoculo sequenziale di batteri lattici alla fine della fermentazione alcolica. In un ulteriore lavoro dell’IFV si è indagato sull’effetto inibente dell’inoculo sequenziale in vini già contaminati ed in vini in cui la contaminazione è avvenuta dopo l’inoculo batterico. In entrambi i casi i batteri sono riusciti a contenere la popolazione contaminante: quando la contaminazione è avvenuta dopo l’inoculo dei batteri la popolazione di Brettanomyces non è riuscita a svilupparsi. I batteri malolattici selezionati Lallemand, rimanendo vitali oltre alla fine delle fermentazione malolattica, possono avere un’azione protettiva contro le contaminazioni da Brett anche durante l’affinamento non determinando incrementi di acidità volatile: questa strategia risulta particolarmente interessante per ridurre l’utilizzo della SO2 in vinificazione.

Per maggiori informazioni: lallemanditalia@lallemand.com

Vedi anche gli altri seminari Lallemand:

Pubblicata il 18/09/2019
    • Contenere le deviazioni sensoriali da Brettanomyces con l’inoculo di batteri selezionati
    • fjrigjwwe9r1video:descrizione
      Sibylle Krieger Weber, Lallemand (G)
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,750977