italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Video
  • » Principali difetti emergenti sui vini bianchi legati al cambiamento climatico
  • Verifica filtrazione finale pre-imbottigliamento
    Imbottigliare con fiducia grazie a VERIFLOW BOTTLESAFE™
    Dalla creazione di Invisible Sentinel, Inc. nel 2006, allo sviluppo della sezione vino nel 2015 in collaborazione con Jackson Family Wines, fino all'acquisizione di bioMérieux nel 2019. L'ultima in...
    Pubblicata il: 30/11/2023

Principali difetti emergenti sui vini bianchi legati al cambiamento climatico

Bertrand Robillard, Gruppo IOC | Richard Marchal, Università di Reims, Francia

Principali difetti emergenti sui vini bianchi legati al cambiamento climatico

Il cambiamento climatico e il riscaldamento globale sono una realtà con la quale dobbiamo fare i conti e che ci costringe, in vari ambiti, a trovare delle soluzioni idonee per far fronte alle conseguenze che da esso derivano. In ambito vitivinicolo, estati troppo calde determinano la produzione di uve ricche di zuccheri, ma povere di composti acidi, aromatici e fenolici, oltre a portare con sé un aumento delle malattie e problemi di instabilità tartarica, calcica, proteica e microbiologica.

Bertrand Robillard apre la sessione riassumendo quali sono le cause e conseguenze per il mondo vitivinicolo, ed eventuali soluzioni derivanti da specifici programmi sperimentali, che possono ovviare a tali problematiche.
Segue il focus sull'instabilità tartarica, con particolare attenzione al tartarto di calcio e non tanto sul bitartrato di potassio poichè per quest'ultimo esistono già soluzioni che funzionano. Perchè notiamo un aumento nelle precipitazioni del tartarto ci calcio negli ultimi anni? Come si forma la cristalizzazione? Robillard entra nei dettagli di questo argomento, e ci spiega anche perchè ci interessa stabilizzare il tartrato di calcio nei vini effervescenti e vini fermi bianchi e rosati. Molto interessanti sono due tecniche non considerate additive per contrastare questo problema: acidificazione biologica e Duostab.

Segue la presentazione di Richard Marchal, in cui presenta alcuni risultati che riguardano fenomeni di torbidità in bottiglia, trattando quindi di questa problematica ancora una volta in vini bianchi e rosati. Marchal si focalizza sulle instabilità proteiche, in particolare della casse proteica o casse colloidale e la relazione al cambiamento climatico. Quali test si possono utilizzare per valutare il rischio di casse collidale (RCC) in vini bianchi e rosati e qual'è il migliore? Quali soluzioni si possono adottare a livello enologico per il trattamento? 

Per maggiori informazioni o approfondimenti contattate i nostri tecnici di zona o il team enologia del gruppo Perdomini-IOC.

Registrazioni del modulo gestito in collaborazione con Perdomini-IOC tenutosi durante Enoforum Italia 2023 dal 16 al 18 maggio 2023

Pubblicata il 12/07/2023
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +
ExecTime : 1,84375