italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Video
  • » Verso la comprensione degli aspetti molecolari della tipicità dei vini
  • Raffaele LOPREIATO – Università degli studi di Padova; Paolo ANTONIALI – Italiana Biotecnologie; Francesco RUSALEN – EVER srl
    Presentato per la prima volta all’ENOFORUM 2015, il progetto Y-TEAM rappresenta oggi il fiore all’occhiello dell’attività di R&D di EVER per le biotecnologie.
    Pubblicata il: 25/06/2018

Verso la comprensione degli aspetti molecolari della tipicità dei vini

Marine Gammacurta, ISVV, Université de Bordeaux (F)

Verso la comprensione degli aspetti molecolari della tipicità dei vini

Alla fine degli anni ‘80 un gruppo di ricercatori ha intrapreso lo studio dell’aroma di uno dei vini più noti, il Sauvignon blanc. La messa in luce delle molecole implicate nell’aroma di questo vitigno e di altri a lui affini, ha permesso di fare grandi passi avanti su questo argomento.

Di queste molecole sono stati messi in evidenza i precursori, i meccanismi chimici e biochimici di formazione, di accumulo e di decadimento.

Nel vigneto è stato possibile definire le pratiche agronomiche che favoriscono la presenza, i cloni  maggiormente dotati e l’ottimizzazione della data di raccolta.

In cantina è stato possibile mettere a punto tecniche di estrazione dei mosti che ne ottimizzano il passaggio dal mosto al vino,  selezionare ceppi di lievito che permettono lo sviluppo di questi aromi, definire tecniche di affinamento che consentono di mantenere questa aromaticità nel tempo. È stato possibile insomma , migliorare la tecniche di vinificazione volte alla produzione di questo vino.

Oggi, mossi dagli stessi obiettivi, nella speranza di replicarne il successo e di fomentare una enologia non omologante che valorizzi la autenticità di ogni vino e di ogni singolo territorio, un  gruppo di ricercatori, sostenuti da Laffort,  ha intrapreso uno studio di base sull’individuazione, la caratterizzazione e la scoperta di quelli che sono gli elmenti alla base dell’aroma dello Chardonnay.

Marine Gammacurta, dell’Università di Bordeaux, nella sua presentazione all’interno del modulo organizzato da Laffort ad Enoforum 2017 presenta i primi interessanti risultati di questo lavoro.

Le relazioni riprodotte in questi filmati sono state presentata alla 10ª edizione di Enoforum (Vicenza, 16-18 maggio 2017) in seno al modulo organizzato in collaborazione con Laffort

Pubblicata il 15/03/2018
Disponibile in francais
    • Nuova identificazione e quantificazione di alcuni composti aromatici associati alle note odorose di nocciola dei vini Chardonnay
    • Marine Gammacurta, ISVV, Université de Bordeaux
Schede correlate
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Direttore Responsabile: Dott. Giordano Chiesa
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +