italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Vitigni e ambiente
  • » Il gusto di luce nel vino bianco: meccanismi di formazione e prevenzione
  • La stabilità tartarica ad "alte temperature"
    Negli ultimi anni abbiamo assistito all’impennata dei costi energetici con conseguente impatto sui bilanci delle cantine. Uno dei processi più energivori riguarda le pratiche per il raggiungimento ...
    Pubblicata il: 23/02/2024

Il gusto di luce nel vino bianco: meccanismi di formazione e prevenzione

D. Fracassetti, S. Limbo, A. Tirelli; DeFENS, Università degli Studi di Milano

Il gusto di luce nel vino bianco: meccanismi di formazione e prevenzione

Il gusto di luce è un difetto che può comparire nel vino bianco imbottigliato in vetro incolore ed esposto alla luce associato alla reazione tra riboflavina e metionina che porta alla formazione di metantiolo e dimetil disolfuro.

Questi composti solforati presentano basse soglie di percezione olfattiva e sono responsabili di note anti-aromatiche descritte come cavolo cotto e cipolla.

Al fine impedire la comparsa del difetto durante la conservazione, è stato indagato l’effetto di prevenzione in seguito all’aggiunta di antiossidanti (anidride solforosa e glutatione) e di tannini di legno (quercia, castagno e galla) in soluzione modello contenente riboflavina e metionina, le cui variazioni sono state valutate in seguito all’esposizione alla luce. 

Vincitore Premio ASSOENOLOGI VERSINI 2017: videoseminario della presentazione realizzata da Daniela Fracassetti in occasione della 10ª edizione di Enoforum (Vicenza, 16-18 maggio 2017)

Abbonamento annuale ad Infowine: L'abbonamento, al costo di € 60 (IVA inclusa) dà diritto all'accesso per un anno a tutti i documenti pubblicati sul sito, archivio storico compreso (clicca qui)

Pubblicata il 26/10/2017
Area Contenuti Premium
  • VIDEO SEMINARIO (streaming 20 min)
Prezzo:27 €(Iva inclusa)
Schede correlate
    Vinificazione rossi
    Infowine Focus
    L'uso delle proprietà di fluorescenza dei composti fenolici può aiutare a quantificare il contenuto fenolico in modo non invasivo, ma nel caso in cui si debba procedere con l'uso dei tannini enolog...
    Pubblicata il:06/10/2022
    Gestione di Ossigeno, acetaldeide e anidride solforosa
    Infowine Focus
    L'invecchiamento del vino è un processo ossidativo in cui l'Ossigeno molecolare è attivato da alcuni composti fenolici e dalla presenza di ioni metallici di transizione, come Ferro o Rame. Poiché l...
    Pubblicata il:15/09/2022
    Diversità in vinificazione
    Infowine Focus
    Produrre un vino in base al nostro obiettivo enologico, voler esprimere la varietà, ma adattare le pratiche in base alle condizioni sanitarie dell'uva, è sperimentazione continua. Riproponiamo alcu...
    Pubblicata il:31/08/2022
    Vini spumanti
    Infowine Focus
    Per la produzione di vini spumanti di qualità, è importante garantire la separazione dei profili fenolici corretti delle frazioni di mosto. Scoprite come la spettroscopia UV-Visibile, insieme alla ...
    Pubblicata il:10/08/2022
    Tannini enologici e ossidazione dei vini
    Infowine Focus
    L’ossidazione è uno dei principali fenomeni che modificano la qualità del vino. Può avvenire in tutti i vini e riguarda tutte le caratteristiche sensoriali...
    Pubblicata il:17/01/2022
    Aroma e gusto del vino
    Infowine Focus
    Fattori chimici, biochimici e fisiologici influenzano la composizione dell'aroma retronasale durante il consumo di vino, ma non solo i tannini influenzano la percezione in bocca: anche gli antocian...
    Pubblicata il:29/12/2021
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +
ExecTime : 1,96875