italianoenglishfrançaisdeutschespañolportuguês
Lingua
Cerca nel sito
  • » Vitigni e ambiente
  • » Strategie per la gestione dei residui di fitosanitari in mosti e vini

Strategie per la gestione dei residui di fitosanitari in mosti e vini

Tomas Roman Villegas, Fondazione Edmund Mach; Maria Manara, Dal Cin spa

La gestione del rame e la rimozione dei residui di fitosanitari: due problemi attuali e diffusi che coinvolgono mosti e vini, bianchi e rossi.

La gestione del rame nei mosti:

  • La presenza di rame nei mosti ha effetti negativi sulla vitalità e sulla attività dei lieviti, sia sulla cinetica fermentativa sia sui risultati organolettici.
  • Ceppi di lievito diversi rispondono in modo diverso alla presenza di rame: è opportuno conoscere la sensibilità dei ceppi a livello cinetico, metabolico e non ultimo organolettico.
  • Per alcune varietà aromatiche (es: varietà tioliche), particolarmente sensibili alle ossidazioni, l’intervento precoce con Drop&Go permette di abbassare il contenuto di rame e di preservare la qualità organolettica.

 

La rimozione dei residui di fitosanitari nei mosti e nei vini

  • L’utilizzo di prodotti fitosanitari è sempre più mirato e in genere sono rispettati i limiti di legge dei residui massimi ammessi. Tuttavia la costante richiesta di salubrità, impone spesso capitolati d’acquisto con condizioni più stringenti rispetto la normativa vigente.
  • Fito-Stop a inizio fermentazione, a bassi dosaggi, abbatte il contenuto in pesticidi favorendo il decorso fermentativo.
  • Il trattamento dei vini con Fito-Stop  permette la riduzione fino al 90% di diversi principi attivi.

 

Le relazioni riprodotte in questi filmati sono state presentata alla 12ª edizione di Enoforum (Vicenza, 21-23 maggio 2019) in seno al modulo organizzato in collaborazione con Dal Cin spa.

Pubblicata il 17/07/2019
Immagini
    • Esperienze di abbattimento di pesticidi nel vino; focus sul fosetyl e la sua formazione durante le fasi di vinifcazione
    • fjrigjwwe9r1video:descrizione
      Tomas Roman Villegas, Fondazione Edmund Mach
    • Effetto dei trattamenti in vigneto alternativi alle molecole di sintesi
    • fjrigjwwe9r1video:descrizione
      Maria Manara, Dal Cin spa
Schede correlate
    La stabilità dei vini
    Infowine Focus
    Durante la sua shelf-life, il vino va incontro a modificazioni chimico-fisiche che possono comprometterne la qualità. Pertanto è importante immettere sul mercato un prodotto stabile, che non sia su...
    Pubblicata il:07/01/2021
    Le ultime novità della ricerca sulla fermentazione: aggiornati on-demand
    I video didattici più interessanti ai quali puoi accedere con Infowine Premium
    La vendemmia è arrivata! Fatti trovare pronto con le ultime novità della ricerca sulla fermentazione, di seguito alcuni dei contenuti ai quali potrai accedere abbonandoti ad Infowine Premium: Le pa...
    Pubblicata il:24/08/2020
    Aspetti produttivi e vantaggi della Tecnologia MiniTubes
    Alberto Granata, Assicurazione Qualità Dal Cin spa. Video seminario Enoforum 2017
    L’abilità manifatturiera che garantisca al prodotto finito solo una qualità in termini di risultato applicativo, non è oggi più sufficiente. E’ necessario andare oltre tale aspetto “industriale”, a...
    Pubblicata il:27/08/2018
    Diffusione potenziale del difetto "Gusto di luce" nei vini italiani e risultati dei trattamenti proposti
    Maria Manara, Ricerca e Sviluppo Dal Cin spa. Video seminario Enoforum 2017
    I vini bianchi e rosati, esposti alla luce, possono andare incontro a un decadimento organolettico conosciuto con il nome di “gusto di luce” o “difetto di luce”, in particolare se commercializzati ...
    Pubblicata il:20/07/2017
    Gusto di luce: stato di avanzamento delle conoscenze su vini spumanti
    Davide Camoni, Laboratori Enoconsulting s.r.l. Video seminario Enoforum 2017
    Il gusto di luce si riferisce a una serie di composti maleodoranti derivanti dalla lunga esposizione alla luce visibile. I descrittori più utilizzati sono crauto, cavolfiore, attribuibili a compost...
    Pubblicata il:20/07/2017
    Longevità dei vini bianchi e rosati
    Accorgimenti in fermentazione per ridurre l’accumulo di acetaldeide
    L’acetaldeide nel vino può avere origine biologica (è coinvolta in numerosi processi metabolici, tra cui la fermentazione alcolica) o chimica (per ossidazione dell’etanolo in presenza di ossigeno e...
    Pubblicata il:27/05/2020
© Vinidea srl 2016: Piazza I° Maggio, 20, 29028 Ponte dell'Olio (PC) - ITALY - P.Iva: 01286830334
Per contattarci segui questo link
Titolo del periodico: Rivista Internet di Viticoltura ed Enologia
Editore e proprietario: Vinidea Srl
Registro Stampa - Giornali e Periodici: iscrizione presso il Tribunale di Piacenza al n. 722 del 02/03/2018
ISSN 1826-1590
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK

- A +
ExecTime : 1,796875